Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 23 giugno 2016

Pianoforte in pasta frolla - Piano in pastry

Visto la mia passione per la pasta frolla ,con gli amici coristi decidiamo di fare un ulteriore regalo dolcifero all'insegnante di musica ,che molto pazientemente nel corso dell'anno ci prepara a molti canti. Ovviamente la scelta è caduta sul pianoforte, ovviamente a coda. Preparo un progetto,ritaglio le varie parti su carta forma,preparo la pasta frolla e assemblo il tutto con glassa semplice. Arricchisco il tutto con pasta di zucchero et voilà il gioco è fatto. Pianoforte apprezzato , pianoforte mangiato....a colazione . Di seguito la preparazione e assemblamento del piano.










lunedì 13 giugno 2016

Naviglio Martesana in pasta frolla - Canal in pastry

Il Naviglio Martesana ,detto anche Piccolo , collega Milano al fiume Adda. Mi piace molto fare delle belle passeggiate  da Vimodrone a Cernusco sul Naviglio. Bellissimo, un vero polmone verde a pochi passi da Milano ricco di vegetazione con i suoi alberi,salici piangenti,glicini. Inoltre lungo il naviglio nuotano indisturbati simpatici germani. In occasione dell' inaugurazione del campo scuola canoe a Vimodrone, ho voluto rappresentarlo ...una bella sorpresa per tutti i partecipanti all'evento. Di seguito le foto e il video di quella bella giornata e ovviamente lui....il naviglio in pasta frolla.




















Grammofono in pasta frolla - Gramophone in pastry

Ultimamente mi piace molto ,come si è visto nei post precedenti, utilizzare la pasta frolla per fare oggetti o quant'altro. Scateno la mia fantasia pasticcifera e voilà si  personalizza la pasta frolla. Questa volta per il compleanno di un caro amico tenore che canta in un importante coro di Milano ho voluto fargli una sorpresa .... Ma cosa fare ad un tenore ???? L'idea mi è venuta per associazione di idee : coro,musica,strumenti musicali,dischi .....eccola qua la mia idea un vecchio grammofono. Ho visionato delle foto su internet di vari grammofoni, ho ritagliato le figure su carta forno, disposte sulla  pasta frolla, cotta in forno a 180° per circa 15/20 minuti statico. Fatta raffreddare ho unito le varie parti con una glassa senza albume ,solo zucchero a velo e qualche goccia di acqua in modo da formare una consistenza nè troppo secca nè troppo liquida. Il problema era come fare la "tromba"del grammofono. La frolla in questo caso risultava  troppo pesante e comunque non mi piaceva il risultato,così ho pensato di realizzarlo con una cialda . Con la ferratella ho cotto la cialdina,poi l'ho arrotolata per dare forma e disposta sul grammofono. Il mio amico ha molto apprezzato quindi compleanno festeggiato con un dolce diverso dal solito. Ecco il grammofono








domenica 17 aprile 2016

Santa Maria Nova del Pilastrello



 

Mi ha sempre affascinato il binomio pasticceria e cake design, per cui dopo casette natalizie, ghirlande, scatole in pasta frolla. Da un po' mi frullava l'idea di costruire un edificio in pasta frolla. Ho pensato a quale poteva essere il fortunato di questa idea e subito la mia attenzione si è rivolta alla bellissima chiesa di Santa Maria Nova del Pilastrello, costruita nel xv secolo ad opera si pensa del Dolcebuono. Si trova a Vimodrone lungo la Padana Superiore. E' una chiesa a mio parere molto bella al cui interno sono presenti affreschi della scuola del Luini, fuori dalla cappella dedicata alla Beata Vergine è presente un cippo (il Pilastrello appunto) che si riferisce al sesto miglio della strada romana da
Mediolanum. Ovviamente il tutto è partito dal progetto cartaceo, con schizzi ,foto fate in loco. Poi ho sagomato le varie parti della chiesa su carta forno e disposte su di essa. Tagliate le varie parti, cotto la frolla ,fatta ben raffreddare e quindi con calma direi certosina ho assemblato il tutto con pasta di zucchero. Non è stato facile soprattutto per quanto riguarda la parte  dei tetti. Certo devo assolutamente migliorarmi ma sono felice di aver provato a "costruire" la chiesetta.
Aggiungo il video, che ho postato su youtube, di questa bellissima chiesa,vale la pena visitarla.




martedì 22 marzo 2016

Pastiera di riso glutenfree

Non me ne vogliano i cultori della vera Pastiera. Ho voluto fare l'esperimento di questa delizia campana in versione totalmente glutenfree,ossia niente grano (sostituito dal riso) e frolla con un miscuglio di farine senza glutine. Esperimento riuscitissimo,preparata il sabato ....domenica sera c'era solo una fettina.... A voi la ricetta



Ingredienti per il ripieno
500 gr latte
150 gr riso carnaroli
300 gr ricotta di mucca
70 gr zucchero semolato
2 uova
aroma fiori d'arancio ,io ho usato una fiala (da 5 ml) e mezza e il sapore era equilibrato,per un sapore più deciso anche due fiale.
Per la frolla glutenfree
200 gr farina di riso
100 gr miscela di farine glutenfree
100 gr burro
1 uovo
80 gr zucchero semolato
una bacca di vaniglia
Teglia da 20 cm
Procedimento
Ho fatto cuocere il riso nel latte alla mattina ,in modo da farlo raffreddare bene, per circa 20 minuti (i tempi di cottura dipendono dal tipo di riso,controllare le indicazioni scritte sulla confezione) . Preparare la frolla mettendo in una ciotola il burro con lo zucchero e i semini della bacca della vaniglia,quando si ottiene un composto morbido aggiungere l'uovo e mescolare bene. Aggiungere le farine e formare una palla. La frolla ottenuta si presenta morbida ma consistente,se ciò non fosse così aggiungere pochissima farina. Mettere la frolla in frigo per almeno un'ora. In una capiente ciotola mettere il riso cotto,la ricotta e lo zucchero,mescolare molto bene ,aggiungere le uova e per ultimo l'aroma ai fiori d'arancia deve risultare il tutto come una crema. In una teglia foderata con carta forno di 20 cm stendere una parte di pasta frolla con bordi alti ,l'altra serve per fare delle strisce, Versare la crema di ricotta,disporre sopra delle strisce di pasta frolla ed infornare a forno caldo a 180° statico per circa 1 ora circa,controllate se sopra al dolce si forma una bella crosticina dorata e fare la prova con uno stuzzicadenti per verificare se l'interno è cotto. Far raffreddare. Volendo si può spolverizzare sopra alla pastiera dello zucchero a velo. Servire

domenica 13 marzo 2016

Biscotti glutenfree con farina di mandorle

Avanzano degli albumi???? Allora perche' non provare a fare dei semplici biscottini glutenfree con farina di mandorle, albumi e zucchero di canna. Buonissimi,ecco la mia ricetta.



Ingredienti
2 albumi
170 gr farina di mandorle
90   gr zucchero di canna
Procedimento
Montare neve gli albumi. In una ciotola mescolare bene la farina di mandorle con lo zucchero di canna, aggiungere poco alla volta gli albumi montati fino ad avere un composto molto morbido. Su una placca da forno mettere la carta forno, quindi con un cucchiaio disporre il composto formando delle palline morbide distanziando un po una dall'altra. Volendo su ognuna si può mettere una mandorla.
Cuocere i biscottini in forno caldo a 180 gradi statico per circa 10 minuti,sfornare e farli raffreddare. Molto gustosi

mercoledì 23 dicembre 2015

Biscotti decorati natalizi 2015

E' da tempo che non aggiorno il blog,purtroppo impegni vari non me ne hanno dato il tempo. Quindi il momento più bello per farlo è quello natalizio. Ho preparato dei biscotti decorati,ho voluto fare qualcosa di diverso,perlomeno per quello che avevo sempre fatto. Ho preparato la classica frolla ,ho utilizzato della pasta di zucchero . Con carta forno ho ritagliato le forme per una casetta,le ho disposte sulla frolla,e una volta cotte e raffreddate le ho guarnite con pasta di zucchero,decorate ,ho assemblato il tutto,unito con della glassa ,aggiunto degli smarties e il gioco è fatto.
Poi ho fatto una ghirlanda di biscotti. Sempre con carta forno ho disegnato dei cerchi ,disposto sulla frolla e ritagliate,ho preparato con la frolla anche vari biscottini,cotto il tutto in forno, fatti raffreddare,poi decorati con la pasta di zucchero,li ho disposti sulla ghirlanda ricoperta anch'essa con pasta di zucchero.
Sono stati molto apprezzati ,un modo diverso per presentare dei biscotti natalizi decorati.
Buone feste a tutti.